2013 Copyright by MRimorchi prodotto con Wix.com

MAXIMUS S.R.L., Viale Bustichini 26, 51016 Montecatini Terme (PT), P.Iva 01947170476 Capitale Sociale 50.000 € i.v.

Col Decreto Protocollo 211 del 18/05/2018, si dispongono nuove istruzioni per la revisione dei rimorchi delle categorie O1 e O2.

L’art. 5 del DM 14 del 19/05/2017, ha introdotto per i rimorchi di massa complessiva entro i 3500 KG, una frequenza di controlli dopo quattro anni a decorrere dalla data di immatricolazione e, successivamente, ogni due anni, ai fini del miglioramento della sicurezza della circolazione stradale.

Dato il considerevole numero di rimorchi da revisionare, al fine di limitare i disagi per l’utenza si dispone il calendario delle scadenze dei controlli tecnici:

 

ANNO 2018

Rimorchi O1 e O2 immatricolati fino al 31-12-2000 ad esclusione di quelli già revisionati nel biennio precedente.

Nel 2018 i rimorchi chiamati a controllo tecnico, a prescindere dal mese di immatricolazione, potranno utilizzare la finestra temporale intercorrente fra il 21 maggio 2018 e il 31 dicembre 2018.

A partire dall’anno 2019, come d’uso, il termine ultimo per ottemperare al richiamo è il mese di immatricolazione/revisione.

ANNO 2019

Rimorchi O1 e O2 immatricolati dal 01-01-2001 al 31-12-2006 e quelli immatricolati prima del 2001 e non revisionati nel biennio precedente.

ANNO 2020

Rimorchi O1 e O2 immatricolati dopo il 01-01-2007 e quelli per i quali sono trascorsi 4 anni dalla prima immatricolazione o 24 mesi dall’ultima revisione.

N.B. Negli anni seguenti, il controllo tecnico sarà effettuata con la periodicità prevista dall’art. 5 comma 1 lettera a del DM 2014/2017.

Si precisa che la prenotazione, se effettuata entro i termini, estende la possibilità di circolazione del rimorchio fino alla data assegnata dall’UMC. Si rammenta che i rimorchi che non hanno ottemperato a precedenti chiamate a revisione NON POSSONO circolare fino al controllo tecnico incorrendo nelle sanzioni previste.

Gli esiti della revisione

La visita della revisione può avere diversi esiti.

  • Revisione con esito “regolare”: in questo caso, alla tua auto viene rilasciata una etichetta adesiva che riporta l’esito della revisione e sarà applicata sulla carta di circolazione.
     

  • Revisione con esito “ripetere”: in questo caso significa che sono state riscontrate anomalie non gravi e che dovrai eseguire opportune riparazioni agli impianti che sono stati segnalati come non efficienti. Dopo avere effettuato gli interventi, potrai ripetere la revisione entro un mese. In questo lasso di tempo il veicolo può circolare solo dopo che siano stati sistemati i problemi riscontrati.
     

  • Revisione con esito “sospeso”, significa che dovrai eseguire le opportune riparazioni e presentare nuovamente la richiesta di revisione. Potrai circolare con il tuo veicolo a velocità di non oltre 40 chilometri orari, per andare dal meccanico. Una volta riparato il veicolo potrai circolare solo il giorno previsto per la nuova revisione per recarti alla Motorizzazione. Senza un esito “regolare” della revisione, il tuo veicolo non potrà circolare ulteriormente.

Sanzioni per la mancata revisione

La sanzione prevista per chi circola senza la revisione in regola è di 169 euro, che diventano 336 se la revisione non è stata effettuata per più di una volta.

L’articolo 80 del Codice della Strada prevede che il veicolo venga sospeso dalla circolazione, l’agente che accerta l’illecito appone una annotazione specifica sulla carta di circolazione. A quel punto potrai guidare il veicolo unicamente per recarti in officina a effettuare la revisione oppure fino a casa.

Se vieni sorpreso a circolare durante il periodo di sospensione la sanzione minima è di 1.957 euro, con un fermo amministrativo del veicolo per 60 giorni.